instagram facebook twitter

  • 1.png
  • 2.png
  • 3.png
  • 4.png
  • 5.png
  • 6.png
  • 7.png
  • 10.png
Pin It

Como

Il Como cade anche a Varese.

L’Hockey Como perde l’andata del derby lombardo contro Varese, causa un nero secondo drittel, chiuso dai bosini sul 5-1, decisivo per il risultato finale di 7-3.
 
Nel primo tempo apre le marcature per il Como il messicano Majul che con una fulminea discesa si trova solo davanti alla porta di Tura ed infila il vantaggio lariano (8’38’’). Immediata però la risposta del Varese che grazie ad un tiro dalla distanza di M. Borghi trafigge sulla destra Tesini e riporta in parità la gara (9’56’’).
La partita prosegue con un buon ritmo ed occasioni da entrambi le parti solo alcune risse e penalità accendono gli animi in campo, ma il risultato alla fine rimane in perfetta parità.
 
Il secondo drittel inizia con Varese in inferiorità per la penalità presa da Franchini nel finale di primo terzo. Al primo affondo comasco un super Tura dice no, pinzando il disco in volo dopo la sua stessa respinta. Dalla parte opposta invece il Varese sfiora il gol, con Schina che non può però esultare per il riflesso di Tesini. Squadre di nuovo in parità numerica e battaglia senza quartiere che riparte. Si decide tutto dopo 5 minuti causa una fuga centrale del capitano Raimondi che in tandem con Perna infila di tocco sotto porta (2-1). Passa solo un minuto e l’italo canadese Perna si avventa su un disco nella zona difensiva del Como e lo piazza alle spalle di Tesini (3-1) a cui segue anche la rete di Privitera (31’ 25’’).
Il Como non ci sta e con coraggio cerca di recuperare la partita con un’ottima discesa di Fratangelo che serve un assist al giovane Lorenzo Vola che al minuto 32’ 29” appoggia in rete per la gioia della panchina grazie alla sua prima rete nel campionato IHL. Dura però poco la gioia lariana perché sul 4 a 2 una discesa a tre del solito Perna con M. Borghi e il capitano bosino porta alla seconda rete Raimondi. Sul risultato ormai compromesso di 5 a 2 per i padroni di casa, coach Malkov decide di sostituire l’ottimo goalie Tesini per il giovane backup Daniel D’Agate che a freddo però subisce a 45” dalla fine un goal da parte dello straniero Franchini.
 
In avvio del terzo drittel il rookie comasco Lorenzo Vola prende 5’+20’ di penalità (espulsione per il resto del periodo) per una carica al limite in balaustra su M. Mazzacane che cade malamente e purtroppo dovrà lasciare il palaghiaccio applaudito da tutto il pubblico. Coach Malkov rivede a questo punto tutte le linee di attacco e, grazie ad un ritmo decisamente più basso ed alla freschezza dei nuovi entrati, alla ripresa del match in parità numerica si riporta in partita grazie al goal di Formentini (47’ 56’’). Mancano però solo dieci minuti alla fine della gara e nel finale l’ennesima disattenzione difensiva porta Asinelli alla settima rete del Varese contro un incolpevole D’Agate.
 
Domenica 27 alle ore 18:45 nel Palaghiaccio amico di Casate i ragazzi di coach Malkov affronteranno l’SV Caldaro in un match importante dove avremo bisogno del calore del nostro pubblico per poter superare insieme questo oggettivo periodo negativo. NON MANCATE!!

Hc Varese 1977 vs Hockey Como 7-3 (1:1, 5:1, 1:1)
 
Reti: 8’38’’ Majul (Cortenova, Xamin), 9’ 56’’ M. Borghi (Perna, Franchini); 24’48’’ Raimondi (Perna, M. Borghi), 25’ 31’’ Perna (Franchini, M. Borghi), 31’ 25’’ Privitera (Cecere, Andreoni), 32’ 29’’, 39’ 15’’ Franchini (Perna); 47’ 56’’ Formentini (Ambrosoli), 53’ 29’’ Asinelli (Raimondi, F. Borghi).
 
HOCKEY COMO: 40 Tesini (36 D. D'Agate), 3 Codebò, 7 Valli, 8 Fusini, 11 D. D'Agate, 27 Cortenova, 78 Fratangelo, 44 Taufer, 13 Formentini, 14 F. Ambrosoli, 15 Tilaro, 21 Redi, 22 Zordan, 23 R. Ambrosoli, 24 Meneghini, 28 Paramidani, 29 Vola, 33 Xamin, 77 Majul. Coach: Petr Malkov.
 
MASTINI VARESE: 65 Tura (33 Menguzzato), 3 Schina, 5 Re, 20 Cecere, 22 E. Mazzacane, 26 Grisi, 34 F. Borghi, 90 Ilic, 4 Perna, 12 Franchini, 16 Vanetti, 17 Andreoni, 19 Teruggia, 21 M. Mazzacane, 23 M. Borghi, 32 P. Borghi, 74 Asinelli, 75 Di Vincenzo, 88 Privitera, 91 Raimondi, 97 Odoni. Coach: Massimo Da Rin.

Arbitri: Cassol, Volcan (Pace, Brambilla).
NOTE - Spettatori: 850; Tiri: 50-29; Penalità 8’-31’; Powerplay 0/4 - 0/4.