instagram facebook twitter

  • 1.png
  • 2.png
  • 3.png
  • 4.png
  • 5.png
  • 6.png
  • 7.png
  • 10.png
Pin It

riccardocomomerano

Hockey Como sconfitto di misura dal Merano

Il Merano si presenta a Casate in versione natalizia con una divisa celebrativa studiata per l’occasione, mentre l’Hockey Como si schiera con il tradizionale tenuta casalinga di colore bianco.

Tra i giudici di gara anche Jessica Brambilla, tornata in pista dopo il trauma cranico subito nella gara contro ASC Auer Ora (bentornata da tutti).

L’ingaggio iniziale è di marca lariana che butta subito il cuore in pista, dimostrando un approccio diverso rispetto alla gara di Bressanone. I primi 120 di gioco sono però di marca alto-atesina con i lariani concentrati a contenere gli attacchi da entrambi i lati. Ambrosoli e compagni si iniziano a vedere dalle parti di Tura al 3’, con un paio di tiri che impegnano i riflessi del portiere. I primi 5’ corrono via abbastanza lentamente, con diverse interruzioni di gioco e molti ingaggi. L’Hockey Como fa girare bene il disco nella metà campo avversaria dimostrando di essere partito con il piede giusto in una gara di difficile portata. Al 7’ da segnalare un preciso tiro dalla blu di Gruber che impegna Federico Tesini, tra i pali questa sera a difendere il fortino lariano. A metà drittel gli ospiti in contropiede arrivano vicini alla porta ma il tiro debole è respinto dalle protezioni inferiori del numero 40 Comasco. Dall’altra parte un Como che cresce grazie alle giocate di Garnier, questa sera in ottima forma. Al 13’ una bella giocata in contropiede di Formentini che serve il capitano Ambrosoli a pochi metri dalla porta: il capitano colpisce con precisione il disco che però viene respinto dall’attento Tura. In questa prima parte di gara la differenza in pista tra le 2 squadre non sembra essere la stessa della classifica e lo dimostrano le continue ripartenze dei nostri ragazzi, oltre alla concentrazione delle linee difensive. La formazione bianco blù cerca negli utili 2’ il gol del vantaggio con Meneghini (2 volte) e R. Ambrosoli, ma la vera occasione arriva negli ultimi 31 secondi quando Gasser è il primo giocatore a finire in gabbia. Al suono della sirena il punteggio è ancora in equilibrio, così come i tiri da entrambi i lati (13-13).

Il secondo drittel inizia in discesa per la banda di Malkov che si trova a gestire un power play: nei 90 secondi però si costruisce poco di pericoloso e così gli ospiti ne vengono fuori senza reti subite. Ma il Merano cresce in pista e le capacità della squadra seconda in classifica iniziano a farsi vedere. A complicare le cose ci pensano gli arbitri che infliggono ai lariani una doppia penalità (sgambetto inesistente e proteste): in pochi secondi gli ospiti trovano lo spunto giusto in 5vs 3 e vanno in rete con Lo Presti. 0-1 Merano dopo una buona prima parte del Como. In pochi minuti l’inerzia della gara si sposta rapidamente e Gruber, 50 secondi dopo, porta a 2 le reti della sua squadra. Al 29’ la tensione in pista sale con Luciani e Beber che non si scambiano di certo carezze. I giudici penalizzano entrambi i giocatori per 2’. In 4 vs 4 si rivede il Como dalle parti di Tura con 2 tiri di Codebó respinti entrambi. Un accenno di reazione che dura solo 2’, perché dall’altra parte il Merano cerca il gol del 3-0. Un po' di respiro per i biancoblù al 33’, quando Mitterer finisce out 2’: si gioca un buon power play restando davanti alla porta di Tura per tutto il tempo, ma le conclusioni che arrivano da Luciani e Meneghini non finiscono alle spalle del portiere. Al rientro in pista del n.12 ospite la musica sembra tornare la stessa dei primi minuti con Malkov preoccupato in volto che incita i suoi ragazzi a venire fuori dal terzo difensivo. Ma gli ultimi 5’ iniziano con Garnier fuori 2’: Mitterer, Cainelli e Thaler provano a chiudere la partita anzitempo, le linee comasche però non ci stanno e al rientro negli spogliatoi il risultato dice Merano 2 Como 0.

L’inizio del terzo drittel è in perfetto equilibrio con giocate pericolose da entrambi i lati del campo: prima Formentini per i lariani, poi Faggioni per il Merano impegnano i portieri delle due formazioni. Nei primi 5’ inizia a crescere l’agonismo su entrambi i fronti. Quando al 6’ c’è un contatto tra Soraru e Gassner ne nasce una rissa che va avanti per 1’, con gli arbitri che tentano di dividerli. La tensione sale, Faggioni finisce in gabbia 2’ ma in short hand il Merano non lascia spazi ai ragazzi di Malkov che faticano ad avvicinarsi alla porta avversaria. Il numero 27 però non ne vuole sapere di restare in pista e decide di fare un regalo di Natale agli avversari. Sotto l’albero però il Como non trova il gol e così si arriva a metà drittel ancora sotto di 2 reti. La seconda parte inizia con il nostro Ricca fuori 2’: questa volta le linee lariane reggono bene il gioco avversario, facendosi vedere anche in attacco con Mattia Alario. Al 53’ Mitterer in contropiede ha la possibilità di chiudere il match ma Tesini rimanda al mittente disco e velleità avversarie. Il Como prova a gettare il cuore oltre l’ostacolo con i ragazzi che si buttano per terra per recuperare dischi vaganti ma Mitterer al 56’ mette il sigillo definitivo sul match, andando a segnare la rete del 3-0. Ma il Como non molla e con Piccinelli in gabbia coach Malkov decide di togliere Tesini dai pali per tentare il tutto per tutto. In un concitato e velocissimo power-play 6 vs 4 il Como va in rete con Meneghini che insacca un bel passaggio di Garnier!!

Il Como esce a testa alta contro la seconda forza del Campionato ed è un vero peccato pensare alle due reti subite nel secondo tempo....

Risultato Finale: Hockey Como 1 – Hockey Merano 3 (0-0; 0-2; 1-1).

Marcatori: 24’12” Manuel Lo Presti (Hockey Merano), 25’36” Kevin Gruber (Hockey Merano); 56’54 Thomas Mitterer (Hockey Merano), 59’31” Mattia Meneghini (Hockey Como).

Hockey Como: 1 Del Vecchio Fabio (G), 3 Codebò Riccardo (D), 6 Casiraghi Lorenzo (D), 7 Valli Riccardo (D), 8 Fusini Daniele (F), 10 Fusini Jacopo (F), 12 Luciani Marco Daniel (F), 13 Formentini Matteo (F), 14 Ambrosoli Filippo (F) – C, 15 Ambrosoli Riccardo (F), 16 Alario Mattia (F), 23 Ricca Andrea (D), 24 Mattia Meneghini (F), 27 Sorarù Alessandro (F), 40 Tesini Federico (G), 42 Garnier Manuel (D), 73 Guaita Filippo (F), 74 Tilaro Gianluca (F), 90 Platzer Fabian (F).

Allenatore: Petr Malkov

HC Merano: 9 Gruber Kevin (D), 10 Hellweger Mathias (F), 11 Troeger Christian (D), 12 Mitterer Thomas (F), 13 Turrin Davide (F), 17 Piccinelli Lorenzo (D), 18 Lo Presti Manuel (F), 19 Beber Philipp (D), 25 Cainelli Patrick (F), 27 Faggioni Flavio (F), 30 Calvi Matteo (G), 61 Sebastian Thaler (F), 65 Tura Alessandro (G), 78 Pircher Michael (F), 91 Gasser Alex (D), 93 Kobler Stefan (F).

Allenatore: Massimo Ansoldi.

ARBITRI: Fabio Lottaroli, Willy Vinicio Volcan (Jeremy Bassani, Jessica Brambilla)

Note - Tiri totali: 28-35 - Penalità: 16-20