instagram facebook twitter

  • 1.png
  • 2.png
  • 3.png
  • 4.png
  • 5.png
  • 6.png
  • 7.png
  • 10.png
Pin It

Ancora una vittoria per l'Hockey Como!! Hc Feltre sconfitto 4-2

 

comofeltre

Risultato Finale:  Hockey Como – HC Feltreghiaccio (2:1;1-0;1-1)

Marcatori: 11’28” Davide Migliotti (Hockey Como), 13’25” Riccardo Codebò (Hockey Como), 19’58” Matteo Dall’agnol (HC Feltreghiaccio); 34’51” Filippo Guaita (Hockey Como); 43’21” Dominic Michael D’Agate (Hockey Como), 48’08” Matteo Dall’Agnol (HC Feltreghiaccio).

Hockey Como: 3 Codebò Riccardo (D), 5 Gosetto Davide (F), 7 Valli Riccardo (D), 8 Fusini Daniele (D), 10 Fusini Jacopo (F), 11 Dominic Michael D’Agate (D), 13 Formentini Matteo (F), 15 Ambrosoli Riccardo (F)-C – A, 23 Ricca Andrea (D), 33 Menguzzato Marco (G), 35 Colombi Dario (G), 53 Davide Migliotti (F), 54 Paolo Gardiol (F), 73 Guaita Filippo (F), 74 Tilaro Gianluca (F), 93 Lorenzo Penna (F).

Allenatore: Petr Malkov

HC Feltreghiaccio: 3 Andrea Damin (D), 4 Simone Zallot (D), 8 Marvin Merlin (F), 9 Igor Gris (F), 10 Lorenzo Dall’Agnol (F), 15 Mattia Bertoncin (F), 17 Guglielmo Scussel (F), 18 Nicolò Polini (F), 19 Andrea Gorza (D), 22 Patrick Tormen (F), 37 Jodie Manfroi (G), 44 Tobia Fantinel (F), 46 Giorgio Cavan (F), 51 Luca Burzacca (G), 66 Alex De Paoli (F), 86 Alessandro Canova (F), 87 Alessio Zandegiacomo Mistrotofolo (D), 88 Matteo Dall’Agnol (F), 91 Marco Da Forno (F), 93 Giorgio De Giacinto (D), 96 Riccardo Boschet (D).

Manager: Fabio Dal Magro

Arbitri:Fabio Lottaroli, Willy Vinicio Volcan (Matteo Oderda, Simone Vignolo)

Note: Tiri Totali: 20–31; Penalità: 20-20.

Giro di boa del girone di andata del relegation round: Hc Feltreghiaccio arriva a Como con 3 punti in classifica e ancora nessuna vittoria all’attivo. Mentre l’Hockey Como, con 14 punti, insegue Varese, Ora e Alleghe. In un palazzetto ancora deserto Como si gioca la possibilità di accedere ai play-off.

 

Primo drittel: Feltre nei primi 180 secondi tenta di impensierire Menguzzato & C schiacciando le linee comasche nel terzo di pista. Ospiti che aggiornano le statistiche dei tiri con 6 conclusioni di cui quella di Cavan al minuto 5’12” che impegna l’estremo difensore lariano. Como prova a uscire dal proprio terzo di campo ma i biancoblù non impensieriscono le linee difensive venete, che cercano di passare in vantaggio. Dopo 6’ i lariani si fanno vedere dalle parti di Burzacca in un paio di occasioni (Penna in contropiede e D’Agate che spara sul cartellone pubblicitario di Iperauto). A metà drittel R. Ambrosoli in contropiede ha la possibilità di portare in vantaggio i padroni di casa, ma il puck si infrange sul plexiglas. Dall’altra parte invece Menguzzato dimostra riflessi e concentrazione, respingendo i tentativi dei Bellunesi. I comaschi però crescono di intensità e gioco. Il gol matura e infatti a 11’28” arriva il vantaggio con Migliotti che dal cerchio d’ingaggio infila il numero 51 ospite. Primo power play della partita a 13’07” con Dall’agnol fuori 2’ per Charging. La banda di Malkov è cinica e ne approfitta subito con Codebó che grazie a un missile da distanza ravvicinata infila la porta ospite e porta il risultato sul 2 a 0. Feltre prova a reagire, Como non si fa condizionare da un accenno di nervosismo e prova ad amministrare il match. Gli ultimi 60” sono giocati con Formentini fuori per Slashing. Como sembra amministrare e con Tilaro in contropiede va vicino al terzo gol.Ma R.Ambrosoli raggiunge il compagno in gabbia. 3vs5 negli ultimi 20” cambiano però il risultato, con gli ospiti che accorciano le distanze grazie a un tiro di Dell’Agnol.

Secondo Drittel inizia con Feltre in superiorità numerica per 4’. Gli ospiti cercano di riagguantare il match spingendo i biancoblù nel blu difensivo. Rientra Ambrosoli ma esce Gardiol altri 2’ per Hooking. Paolo rimette i pattini in pista e al 24’ ha la possibilità di fare 3-1: a due passi da Burzacca però stecca il disco sulle protezioni. A parità di uomini però sono sempre i veneti a imporre il proprio gioco e impegnare Menguzzato (una parata degna di nota a Metà drittel su tiro di Canova. Formentini dopo un boarding viene penalizzato altri 2’, proprio nel momento di maggiore difficoltà dei lariani. Dopo 10 minuti gli ospiti hanno tirato ben 10 volte (soprattutto con Matteo Dall’Agnol). A 7’15” dalla sirena Tilaro da solo in contropiede ha la possibilità di allungare le distanze dagli ospiti, ma spreca tirando il disco sulle protezioni dell’estremo difensore veneto. Quando sul cronometro mancano 5’46” Andrea Damin finisce in panca puniti per charging: Como può così riprendere fiato e recuperare energie dopo aver corso parecchi rischi. Anche questa volta i comaschi sfruttano il power play (prima volta quest’anno) e con Guaita si portano sul 3-1. Gorza viene penalizzato 4 minuti proprio quando mancano 4’ esatti dalla fine de secondo periodo. Sulla pista di Casate si forma un po’ di nebbia (Fattore Casate), i ragazzi di Malkov accelerano sui pattini, gli ospiti ci provano ma il “Mengu” questa sera è una saracinesca. Il disco gira nel blu ospite, le linee di Feltre fanno scudo davanti a Burzacca. La sirena del secondo drittel suona e i comaschi rientrano negli spogliatoi ancora con 2 gol di vantaggio, ma dopo aver comunque sofferto il gioco degli ospiti.

Ultimo drittel all’insegna del nervosismo con tanti power play e pochi 5 contro 5. Il periodo inizia con poco gioco e tante interruzioni da parte degli arbitri. I primi ad essere puniti dai giudici di gara sono M. Formentini per l’Hockey Como e Burzacca per slashing. Da qui sarà un susseguirsi di penalizzazioni da entrambi i lati. Al rientro dei due giocatori (e in uno dei pochi momenti di 5vs5) Michael D’Agate con un precisissimo tiro dal blù firma il 4-1 per il Como. In questa fase i lariani vivono il momento migliore del drittel, soprattutto in contropiede. Ricca Como va out prima per interferenza e successivamente per aver lanciato il disco. Feltre prova ad approfittarne in questo power play con Boschet e Dall’Agnol: sarà proprio Matteo ad accorciare le distanze quando mancano poco meno di 12 minuti alla fine della partita. Gli ospiti iniziano a crederci e sempre con Boschet e Dall’Agnol impegnano il portiere comasco che avrà il suo bel da fare prima della sirena finale. La seconda metà del drittel inizia con De Paoli, Tormen (spinta da dietro su Codebò a gioco fermo) e Gorza out. I ragazzi di Malkov in power play spingono forte mentre i grigiorossi si innervosiscono. I padroni di casa non ne approfittano per chiudere definitivamente il match e il risultato rimane sul 4-2. Il nervosismo sale e Como corre qualche rischio. Tilaro prima e Gorza poi riempiono le gabbie per altri 2’. Mentre in pista gli ospiti ci provano a riaprire la partita, i comaschi difendono la porta. Le diverse occasioni non cambiano il risultato e quando suona la sirena il risultato è sempre di 4 a 2 per l’Hockey Como. 

 

Una vittoria che riapre prepotentemente la corsa ai 2 posti play-off in palio.