instagram facebook twitter

  • 1.png
  • 2.png
  • 3.png
  • 4.png
  • 5.png
  • 6.png
  • 7.png
  • 10.png
Pin It

Vittoria Natalizia per l'Hockey Como

 

comocaldarowin

 

L’ingaggio del nono turno è dell’Hockey Como che prova a costruire nei primi secondi azioni pericolose dalle parti di Alex Andergassen.

Caldaro peró non tarda a trovare la confidenza con il ghiaccio e provare a imporre subito il proprio gioco. Primi 5’ trascorrono senza occasioni degne di nota. La prima vera opportunità arriva al 15’ quando R. Ambrosoli in contropiede ci prova davanti al portiere che blocca il puck. Dopo 7’ però arriva il vantaggio di Caldaro con M. Felderer che infila Federico Tesini. Un rete che arriva dopo un perfetta azione in contropiede dei rossoneri. Gli altoatesini provano ad alzare il ritmo e tenere i lariani nel blu. Dopo 8’ arriva il primo power play dell’incontro con D’Agate out 2’. L’inizio di seconda parte del periodo non riserva nulla di pericoloso, salvo un tiro di Tilaro che viene intercettato dal portiere rosso nero. Il cronometro segna 5:26 quando Caldaro si porta sul 2-0 con Giovanni Reppo. Tilaro poco dopo non si facilita la vita ai propri compagni quando esce per 2’. Ma in questa situazione di svantaggio arriva la rete lariana. Gardiol in contropiede solitario accorcia le distanze: una rete che da coraggio agli uomini di Malkov che chiudono il periodo in netta crescita, ma con un gol da recuperare.

Il secondo drittel inizia decisamente con un approccio diverso e un’intensità molto più alta rispetto ai primi 20’. A parte una prima conclusione di Gosetto, passano 4’ quando D’Agate aggiorna le statistiche dei tiri con un conclusione pericolosa. Pircher e Bregenzer sono i primi due uomini di Caldaro a impensierire Tesini in questo secondo periodo. Le quotazioni dell’Hockey Como nei primi 10’ salgono notevolmente, così come le opportunità davanti alla porta. Ed è proprio in questo frangente che cambiano risultato e inerzia della gara. Il gol del pareggio è firmato Ricca (29:20) che con un tiro da lontano impegna Andergassen che para ma non trattiene il puck. Ma dopo 40 secondi è Cordin a portare in vantaggio i lariani. Caldaro però accenna una reazione facendosi vedere dalle parti di Tesini ma l’estremo difensore Lariano è attento e concentrato. Stricker e Micali vogliono pareggiare i conti ma la difesa biancoblù e il numero 40 comasco tengono testa alle offensive rossonere. Como va in power play per 3 volte nel drittel (Micali out 4’) ma senza approfittarne come dovrebbe. Gosetto e Codebò ci provano dalla distanza ma il risultato rimane di 3-2. Gli ultimi 180” sono tutti di Caldaro che vuole a tutti i costi andare negli spogliatoi con il punteggio in parità, ma Tesini & C. chiudono la saracinesca diverse volte, anche quando il disco si alza dopo un tiro e si ferma tra il palo e la linea. L’ultima opportunità del secondo periodo è di Ambrosoli F. ma le protezioni del numero 1 rossonero dicono no al capitano.

Il Terzo drittel inizia con Tomasini ospite out 2’. Gosetto però lo raggiunge dopo 1:45 per tripping. Ma è proprio quando Como inizia il 4 vs 5 che Gardiol allunga di nuovo il divario tra le due squadre (4-2). I lariani gestiscono il gioco e la voglia di portare a casa la vittoria si nota soprattutto in queste situazioni. Quando le squadre tornano 5 vs 5 F. Ambrosoli ci prova anche lui ma la parata del portiere fa finire il disco sugli striscioni pubblicitari. Le linee difensive comasche contengono bene gli attacchi di Caldaro mentre Tesini ha sempre l’ultima parola sul destino del disco, tranne quando Stricker in contropiede con un tiro di precisione gonfia la rete biancoblù. Ma Vallazza però non vuole saperne di far riaprire la partita agli avversari così con un bellissimo gol riporta subito i comaschi avanti 5-3. La prima metà dell’ultimo drittel si chiude con Troger out 2’ per uomo in più in pista visto dai giudici di gara. Negli ultimi 5’ i rossoneri cercano il gol provare a riavvicinarsi ma nonostante le azioni fossero ben costruite gli altoatesini restano fermi a 3 reti.

Uno scatenato Gardiol firma la sua personale terza rete mettendo il sigillo definitivo sul match. L’Hockey Como può festeggiare così il Natale con la vittoria numero 8. 

Risultato Finale:  Hockey Como 6 – Sv Kaltern Caldaro 3 (1-2; 2-0; 3-1)

Marcatori: 7:03 Michael Felderer (Sv Kaltern Caldaro), 14:34 Giovanni Reffo (Sv Kaltern Caldaro), 16:22 Paolo Gardiol (Hockey Como); 29:20 Andrea Ricca (Hockey Como), 30:01 Federico Cordin; 42:02 Paolo Gardiol (Hockey Como), 47:38 David Stricker (Sv Kaltern Caldaro), 49:11 Renè Vallazza (Hockey Como), 59:50 Paolo Gardiol (Hockey Como).

Hockey Como: 3 Codebò Riccardo (D), 5 Gosetto Davide (F), 7 Valli Riccardo (D), 10 Fusini Jacopo (F), 11 Dominic Michael D’Agate (D) 13 Formentini Matteo (F), 14 Ambrosoli Filippo (F) – C, 15 Ambrosoli Riccardo (F) – A, 17 Vallazza Renè (D), 22 Bazzaco Marco (F), 23 Ricca Andrea (D), 29 Federico Cordin (F), 33 Menguzzato Marco (G), 40 Federico Tesini (G), 54 Paolo Gardiol (F), 74 Tilaro Gianluca (F), 93 Lorenzo Penna (F).

Allenatore: Petr Malkov

Sv Kaltern Caldaro: 1 Alex Andergassen (G), 3 David Stricker (F), 4 Florian Massar (D), 6 Mattia Rocco (D), 7 Giovanni Reffo (D), 9 Patrick Tomasini (F), 11 Benjamin Bregenzer (D), 13 Martin Pircher (F), 14 Bastian Andergassen (F), 18 Manuel Gamper (F), 20 Mattia Micali (D), 22 Leopold Moling (F), 23 Christian Tröger (D), 24 Mirko Quinz (F), 25 Davide Fantini (G), 26 Massimo Ziliani (F), 75 Patrick Gius (F), 91 Michael Felderer (F).

Allenatore: Karl Anderlan

Arbitri: Fabio Lottaroli, Willy Vinicio Volcan (Matteo Oderda, Simone Vignolo)

Note: Tiri Totali: 31–50; Penalità: 10-10.